Idea Tourism Magazine

Arte & Cultura -

La Cappella del Barolo compie vent’anni

Per celebrare l’anniversario una mostra, un vinile, un libro, performance e musica dal vivo organizzati dalla Famiglia Ceretto.

Alto contrasto Aumenta dimensione carattere Leggi il testo dell'articolo
Idea Web TV

Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Prenotazione obbligatoria: eventi@ceretto.com. La Cappella si potrà raggiungere a piedi o con navetta da piazza Vittorio Emanuele a La Morra.

Condividi

La Cappella del Barolo di Sol LeWitt e David Tremlett, uno dei primi e più riconoscibili progetti di recupero e valorizzazione del contesto ambientale delle Langhe con interventi di arte contemporanea internazionale, compie vent’anni. Costruita nel 1914 come riparo da temporali e grandinate per chi lavorava nelle vigne circostanti e mai consacrata, la Cappella di SS. Madonna delle Grazie fu acquistata dalla famiglia Ceretto nel 1970 assieme a 6 ettari del prestigioso vigneto di Brunate, nel cuore della DOCG del Barolo. Ridotta a rudere dopo anni di abbandono, si è trasformata in uno degli edifici più famosi del territorio, la Cappella del Barolo, grazie alla famiglia Ceretto che nel 1999 ne ha affidato una reinterpretazione in chiave modernista al genio degli artisti Sol LeWitt e David Tremlett. La scintilla creativa è scaturita all’improvviso davanti a un bicchiere di Barolo e alla maestosità del paesaggio. Agli artisti è subito piaciuta l’idea di recuperare l’edificio in rovina in una divisione spontanea degli interventi: all’esterno forme geometriche in colori acidi e forti disegnate dall’americano Sol LeWitt, maestro dell’arte concettuale; all’interno grandi campiture in tinte morbide, stese con il palmo della mano dall’inglese David Tremlett, anche autore dei riflessi acquei del pavimento marmoreo.

Per celebrare l’anniversario la famiglia Ceretto ha organizzato per il 21 e il 22 settembre diverse iniziative alla Cappella del Barolo.

PROGRAMMA

KEEPING TIME

Progetto curato da Guy Robertson e Tony Tremlett in collaborazione con the Mahler & LeWitt Studios con il contributo di: Gavin Bryars, James Cave, Babatunde Doherty (Baba Ali), Tommaso Faraci, Adam Gibbons, Lina Hermsdorf, Philip Glass, Chemutoi Ketienya with Kipsigis girls, Sol LeWitt, Jason Moran, Lydia Ourahmane, Steve Reich, Caroline Shaw, Three older female singers, David Tremlett & Tim Bowman, Keef Winter.

Keeping Time è un progetto che comprende una mostra, la realizzazione di un vinile e un programma di performance  dal vivo. Ispiratori i temi chiave della cappella: l’idea di arte come risultato di un impegno collaborativo e la passione condivisa di LeWitt e Tremlett per la musica.

In occasione dell’anniversario verrà inoltre pubblicato il libro “La Cappella del Barolo di Sol LeWitt e David Tremlett. L’ultima eclissi del millennio”, edito da Corraini, che raccoglie un racconto di Andrea Bajani scritto per l’occasione, commenti di David Tremlett, Roberta Ceretto e Sara Molho, documenti inediti, ripercorrendo la storia e l’evoluzione del progetto che ha portato al felice legame tra le Langhe e l’arte.

INAUGURAZIONE

Cappella del Barolo in Località Vigneto Brunate – La Morra CN, Italia

Sabato 21 settembre (Ingresso libero. La Cappella si potrà raggiungere a piedi o con navetta da piazza Vittorio Emanuele a La Morra)

ore 16.30 – 21.00 | Distilleria

KEEPING TIME – mostra

L’esposizione “Keeping Time” include l’installazione ‘Wall Drawing #26’ di Sol LeWitt e opere giovanili a tecnica mista di David Tremlett, anche con: Babatunde Doherty, Adam Gibbons, Lina Hermsdorf, Hiba Ismail, Lydia Ourahmane e Keef Winter

(La mostra rimarrà aperta fino al 13 ottobre, sabato e domenica dalle 15.00 alle 18.00)

ore 17.00 – 18.00 | Cappella del Barolo

CONVERSAZIONE CON DAVID TREMLETT E ANTONELLA SOLDAINI

PRESENTAZIONE DEL VINILE

ore 18.00 – 20.00 | Vigneto Brunate

LIVE: Gavin Bryars,  James Cave, Babatunde Doherty e Keef Winter

Domenica 22 settembre

Ore 18.00 – Cappella del Barolo

LIVE: Ezio Bosso

Lettura del testo di Andrea Bajani tratto dal libro “L’ultima eclissi del millennio” (edito da Corraini)

Condividi l'articolo

Articoli correlati